18.6 C
Pescara
15 Luglio 2020
delfinonews.it
L'angolo del tifoso

Tanti auguri portierò!

All’uomo, prima che al giocatore. Ai valori umani, prima che quelli tecnici. Alle tante parate ed alle infinite dichiarazioni d’amore. Ai ballottaggi sempre vinti. Perché non è secondo a nessuno. Ai prodigiosi interventi su ogni campo. Al miracolo di Venezia su Litteri. Alla sicurezza di ogni Pescarese che prende posto allo stadio. Perché arrivate in porta, se ci riuscite, tanto poi c’è lui, il Falco d’Oregina. Ai milioni del Qarabag. All’Azerbaigian, dove ancora lo stanno cercando. Perché alcuni sentimenti non si comprano, non hanno prezzo. Ed allora via il denaro, ed ecco la passione. Una scelta normale in un calcio normale. Una scelta anormale in un calcio anormale: “Penso che i soldi non siano tutto, quando tutto ciò di cui ho bisogno è già in questa città, in questo stadio. Sogno di riportare il Pescara in Serie A e di diventarne capitano”. Manca soltanto un tassello del tuo sogno. Perché a te piace mantenere le promesse, perché dai tutto te stesso, sempre. Perché per te, fedele soldato: “Andare ai play-out o in Serie C sarebbe stato come morire”. Alla fantastica storia d’amore con la piazza, con la sua Montesilvano, che non abbandonerà mai: “Accettare un contratto a vita? Mi piacerebbe tanto. Per la prima volta, a Bologna, ho pianto per una delusione calcistica, da quel momento ho capito che il legame col Pescara era davvero forte. Qui mi trovo bene con tutti, ho comprato casa a Montesilvano e mi auguro di proseguire l’avventura il più a lungo possibile”.
Record su record, parata su parata, esempio su esempio. Il secondo portiere per presenze nella storia biancazzurra. E quel passaggio di consegne con Bordoni che non dimenticherà mai.
In una parola? Grazie. Per ogni scelta, per ogni giorno. Perché in un calcio senza cuore, ci hai ricordato cos’è il romanticismo, cos’è l’amore. Grazie, perché partita dopo partita, ci rendi ancor più orgogliosi di tifare quella maglia, di sostenere questi colori.
Essere genovesi ed amare Pescara? Si può.
Buon Compleanno Vincenzo, ti vogliamo bene!