4.8 C
Pescara
20 Aprile 2021
delfinonews.it
Prima Squadra

Pescara – Lecce 1-1: le pagelle del Delfino

Il Pescara pareggia all’ultimo respiro una gara che sembrava ormai persa. Per come si era messa sicuramente un punto guadagnato ma c’è bisogno di crescere ed essere più aggressivi e votati all’attacco dalla prossima gara.

Ecco le pagelle dei biancazzurri:

Fiorillo 5,5: primo tempo in cui non viene praticamente mai impegnato, al primo tiro in porta prende gol come già capitato molte volte quest’anno.

Guth 6: prima frazione abbastanza tranquilla in cui fa il suo, nella ripresa continua in una prestazione positiva in cui non fa grandi interventi ma nemmeno sbavature.

Drudi 6,5: guida bene il reparto nel corso dei primi 45 minuti, bene anche nel secondo tempo. E’ sicuramente l’unica certezza del reparto arretrato.

Scognamiglio 5,5: soffre tantissimo Rodriguez nel primo tempo, non lo prende mai. Nel momento in cui il Lecce si abbassa un po’ cresce.

Bellanova 6: corre bene nel primo tempo, si fa vedere. Però quando si tratta di mettere in mezzo la palla si vedono tutti i suoi limiti tecnici. Anche nella ripresa fa una buona prestazione dal punto di vista atletico, manca sempre nell’ultimo passaggio.

Dessena 6: si vede poco o nulla nella prima frazione di gioco. Nella ripresa si vede un po’ di più, prova anche un tiro dal limite che viene ben parato da Gabriel. (74′ Vokic 6: ha tecnica e si vede. Deve avere più spazio da ora in avanti.)

Memushaj 6: prova a dare un po’ di luce con qualche cambio gioco interessante, però perde anche alcuni palloni banali. (46′ Maistro 6,5: entra bene in campo dando verve ai suoi. Speriamo torni ai livelli di inizio stagione, questo Maistro può essere utile.)

Busellato 6,5: sciupa una ripartenza con un pessimo passaggio e si vede quasi mai nei primi 45 minuti. Si vede sempre poco nel corso del secondo tempo ma alla fine segna il gol del pareggio mostrando tanta freddezza davanti al portiere nel recupero.

Masciangelo 5,5: non fa nulla di rilevante e si perde il giocatore del Lecce che fa la sponda per Maggio in occasione del gol. Prova a crescere nella ripresa spingendo di più nel momento in cui c’è ben poco da difendere.

Capone 4: il solito INUTILE fantasma, per fortuna viene sostituito presto risparmiandoci altro dolore nel vederlo “giocare”. (58′ Giannetti 7: SUONA LA SVEGLIA! Fa più lui in mezz’ora che i suoi colleghi di reparto in una stagione intera, lotta e da verticalità. Da vivacità all’attacco, speriamo di vederlo presto dal primo minuto da ora in avanti.)

Odgaard 5,5: insieme a Masciangelo difende in occasione del gol come si difende quando si gioca nel campetto sotto casa, davanti è nullo. Meglio nella ripresa quando viene spostato a fare la seconda punta con Giannetti, si crea una grande occasione e solo un super Gabriel gli nega la gioia del gol. (74′ Machin 5,5: il solito, appariscente ma inconcludente. Ha il merito di farsi deviare l’ennesimo tiro senza senso che però diventa un assist per Busellato.)

Grassadonia 5,5: il Pescara non perde neanche stavolta pareggiando last minute una partita che sembrava persa. Nel secondo tempo la squadra è sembrata viva nel momento in cui è riuscita a schiacciare il Lecce nella sua metà campo. Aggiusta con i cambi una formazione forse non perfetta. Da ora in poi bisogna giocare sempre come nel secondo tempo. Se vuoi vincere, devi attaccare!