4.8 C
Pescara
20 Aprile 2021
delfinonews.it
Non solo Pescara

Il Monza di Brocchi: una corazzata altalenante

Nel giorno di Pasquetta il Pescara affronterà il Monza di Brocchi. Il Delfino deve vincere per sperare di raggiungere la zona play-out. L’analisi sui brianzoli

Lo stato di forma del Monza e lo score storico

La squadra allenata da Cristian Brocchi, dopo 31 giornate, occupa le terza posizione della classifica. Sono 51 i punti conquistati; -4 rispetto al Lecce secondo e -8 dall’Empoli capolista. Berlusconi e Galliani puntano alla promozione diretta e nelle giornate rimanenti cercheranno di raggiungere l’obiettivo prefissato.

Finora il rendimento è stato altalenante; i brianzoli sono reduci dal pareggio contro l’Entella e nelle ultime cinque gare hanno totalizzato 7 punti. All’U-Power Stadium i biancorossi hanno raccolto 26 punti, mentre fuori dalle mura amiche 25.

Secondo i dati Transfermarkt le due squadre si sono affrontate 27 volte. Ben 13 sono stati i pareggi, 5 le vittorie del Monza e 9 quelle del Pescara. Considerando gli ultimi cinque confronti i brianzoli hanno vinto in due circostanze, una sola volta il Delfino è uscito con il bottino pieno e due i pareggi.

Brocchi, nella sua breve carriera da allenatore, ha affrontato il Pescara in 4 occasioni. Tre volte quando allenava il Milan Primavera ottenendo ben tre successi, una volta in Serie B rimediando una sconfitta proprio nella gara d’andata.

I numeri stagionali dei brianzoli

Il Monza dimostra di essere una corazzata nonostante i recenti e soprattutto altalenanti risultati. Prima squadra della cadetteria per percentuale di possesso palla (56,5%), 2^ miglior difesa con 27 reti subite e 4° attacco con 41 gol fatti. A guidare la graduatoria interna è Davide Diaw; il classe 1992 è arrivato dal Pordenone a gennaio con 10 gol all’attivo ma non si è ancora sbloccato in maglia biancorossa. Seguono il danese Christian Gytkjaera a 6 e Mota, Frattesi e Boateng a quota 5.

Una caratteristica della squadra di Brocchi è la solidità difensiva. Oltre ad avere una delle migliori difese della competizione è la seconda rosa con meno tiri subiti (318). Quinta, invece, per il numero di duelli aerei effettuati (1140) e la 2^ per il minor numero di palloni persi (3173).

Dei 41 gol realizzati: 14 sono stati effettuati di testa (1^B), 9 da calcio d’angolo (1^B) e 5 da calcio di rigore (2^B). Il Monza è la 4^ squadra del campionato con più tiri effettuati, ben 420 di cui 73 di testa. Inoltre, ha la seconda percentuale più alta di uno contro uno vinti, ben il 57,2%.. Mota è il giocatore che ne ha effettuati di più (199), segue Diaw a 126 e Frattesi a 120.

I biancorossi cercano di dominare nel possesso palla e tentano di far leva su un gioco di squadra caratterizzato da molti passaggi. Sono ben 15224 quelli effettuati finora (1^ della B); media di 462 nei 90’ e con una percentuale di successo pari all’ 86.1% (1^ della cadetteria). E’ il difensore Bellusci il brianzolo con più passaggi eseguiti (1753), seguono Donati (1504) e Carlos Augusto (1134).

 

 iCaratteristiche tattiche

In questa stagioni Brocchi ha alternato il 4-3-1-2 e il 4-3-3 ma l’importanza della rosa gli consente di utilizzare molti varianti nel corso di una gara. Il Monza cerca di costruire il suo gioco dalla difesa con Bellusci che è il primo giocatore a far partire la manovra. I brianzoli tentano di sfondare sui lati, soprattutto su quello destro occupato da Donati che non a caso è il 2° giocatore con più passaggi effettuati. I biancorossi cercano il fraseggio che molto spesso si rileva prolungato. Altra caratteristica sono i tentativi di cercare le continue triangolazioni. Il giocatore cardine che determina gli equilibri è Kevin Prince Boateng.

Dati: Wyscout