16.4 C
Pescara
15 Maggio 2021
delfinonews.it
L'angolo del tifoso

Stringiti insieme a noi, è l’ultima chiamata

Inutile girarci intorno.
Quello di oggi è uno snodo fondamentale che vale essenzialmente una stagione.
Vincere contro l’Entella significherebbe alimentare le residue fiammelle di speranza.
Non farlo, invece, saprebbe molto di resa anticipata.
Sarà 4-3-3 contro 4-3-1-2.
Grassadonia contro l’esordiente Volpe.
Occhio alla “spensieratezza” dei liguri, che verranno a Pescara in veste di guastafeste.
Occhio inoltre al fantasista Schenetti, abile a giocare fra le linee rifinendo l’azione in favore di Rodriguez e Mancosu.
Il Delfino, si sa, è chiamato ad una prova d’orgoglio e dignità.
Giocare dopo quasi venti giorni, senza la possibilità di allenamenti collettivi, sarà un test importante per verificare la tenuta mentale e caratteriale di un gruppo che non può più sbagliare.
Fuori quasi tutto il centrocampo, toccherà a Dessena, Valdifiori e Machin battagliare lì in mediana.
Al di là di numeri, singoli e moduli, però, conterà vincere.
Sacrosante le parole di Grassadonia: “Nessun alibi, noi siamo il Pescara”.
Conquistare i tre punti aprirebbe scenari molto invitanti in vista della trasferta di Cosenza.
L’Ascoli, infatti, nel prossimo turno ospiterà la capolista Empoli.
Così, però, si guarda troppo avanti e non c’è tempo e modo per spendere inutili energie.
Testa all’Adriatico, nel mirino la battaglia odierna.
Sono tutte importanti, oggi un po’ di più.
Ore 14:00, stringiti insieme a noi, è davvero l’ultima chiamata.
#AB085PE